Da molto tempo ci si preoccupa sull’impatto della tecnologia sullo stress degli individui. Tale dubbio ha accompagnato la storia dei mezzi di comunicazione di massa sin dagli esordi.

Attualmente l’attenzione è focalizzata sulla tecnologia digitale. Secondo critici e studiosi, un elevato uso di internet e dei social media sarebbe associato ad effetti negativi sulla salute fisica e psicologica delle persone, e in particolare ad un elevato livello di stress.

Questa ipotesi non sembra però confermata da una recente ricerca americana condotta dal “Pew Research Center”, che attraverso il progetto “Internet & American Life” si pone l’obiettivo di analizzare la crescita di Internet e il suo impatto sulla vita di bambini, famiglie, comunità, ambiente di lavoro e scuole.

I risultati di questa indagine mostrano che un uso frequente di Internet e dei social media non risulta relazionato ad un maggiore livello di stress. Al contrario, donne che usano regolarmente Twitter, spediscono e-mail e condividono foto attraverso cellulare riferiscono un minore livello di stress.

Altra importante indicazione emergente dalla ricerca è che lo stress, presente solo in un particolare sotto-gruppo di individui, è legato al cosiddetto “uso sociale” delle tecnologie digitali piuttosto che ad un loro uso frequente. Gli individui che utilizzano le comunicazioni digitali per rimanere in contatto con i propri cari e i propri affetti sarebbero anche quelli che hanno una maggiore consapevolezza degli eventi stressanti che caratterizzano le vite degli altri. Questo effetto, denominato dai ricercatori “il costo del prendersi cura”, testimonierebbe che vi sono costi e i benefici derivanti da un uso sociale dei nuovi media. In altre parole, le persone che fanno utilizzo della comunicazione digitale a scopo sociale, da un lato hanno un numero maggiore di amici intimi, percepiscono una maggiore fiducia negli altri e si sentono più supportati; dall’ altro una maggiore consapevolezza degli eventi che fanno parte delle vite altrui li espongono anche a quelli indesiderabili, ad esempio la perdita di un loro caro. Apprendere che ci sia stato un evento del genere nella vita di un proprio amico o di un membro della propria famiglia potrebbe generare un livello elevato di stress, almeno per questa sotto-categoria di persone.

Questa ricerca è l’ennesima dimostrazione che un mezzo di comunicazione, digitale o tradizionale che sia, non comporta un effetto diretto sulla vita e sulla salute delle persone, senza considerare aspetti individuali e differenti modalità di utilizzo. Il rapporto tra individuo e uso dei media è molto complesso e resta un tema ancora aperto sul quale è necessario ancora indagare.

Fonte: http://www.pewinternet.org/2015/01/15/social-media-and-stress

You may also like

KABUTO ITALIA Modulo di contatto